Abbronzatura: Come Prepararsi al meglio

di Carmen
mercoledì 18 maggio 2022

 

Abbronzatura Come Prepararsi al meglio: La strategia migliore per assicurarsi una tintarella senza rischi per la pelle è quella di sfruttare gli ultimi mesi della stagione primaverile per preparare il viso e il corpo all'incontro con il sole. In tal senso, un contribuito utile per prepararsi in anticipo all'abbronzatura.

 

Preparazione Cutanea Esfoliare e Idratare: Per evitare la comparsa di macchie scure, irritazioni, perdita di elasticità e rughette, è bene ricordare l'importanza di idratare correttamente la pelle con creme rivitalizzanti a base di acido ialuronico, vitamine C ed E, antiossiossidanti e sostanze nutritive in grado di preservare l'acqua presente sulla superficie cutanea.

Questo pool di elementi aiutano a contrastare l'ossidazione delle cellule causate dal sole ed aiutano a mantenere l'epidermide compatta e luminosa, prevenendo la secchezza e l'invecchiamento precoce: più la pelle è morbida, nutrita e liscia, più l'abbronzatura risulterà omogenea e prolungata.

 

Gli attivatori di abbronzatura (in gergo detti anche "pre-sun") sono cosmetici che agiscono come veri e proprie micce: nutrono la pelle e attivano la melanina con l'ausilio di peptidi specifici ed attivatori enzimatici (es. rame-tirosinasi) affinchè la tintarella si sviluppi prima. Questi prodotti si usano ogni giorno, al posto del consueto idratante dopo la doccia.

 

Un migliore approccio all'abbronzatura prevede anche un'esfoliazione delicata che favorisca l'eliminazione delle cellule morte dalla pelle, soprattutto nelle parti dove questa risulta più ruvida e secca (come gomiti, ginocchia e talloni). Il prodotto esfoliante (scrub e gommage) può essere fatto passare con delicatezza nelle zone interessate del corpo, dopo un bagno o l'esposizione al getto caldo della doccia, insistendo con particolare attenzione su tutte quelle aree che appaiono ispessite.

 

Consulta il Reparto Corpo

 

Alcune semplici regole: Protezione anti UV. Rossori e scottature si prevengono utilizzando prodotti per la protezione solare adeguata al proprio fototipo. La capacità schermante di questi cosmetici è indicata da un numero preceduto da una sigla (SFP), considerando che un fattore di protezione solare molto alto è pari a 50+.

Per renderne più piacevole l'applicazione, gli schermi solari possono essere scelti in base alle preferenze personali (esistono texture in crema, fluido, gel, latte e stick). In ogni caso, questi prodotti devono essere stesi uniformemente, in dosi corrette, prima dell'esposizione, senza dimenticare di rinnovare più volte al giorno l'applicazione, specialmente dopo aver sudato o dopo essersi bagnati o asciugati.

 

Non avere fretta: Altra raccomandazione per abbronzarsi senza riportare danni è quella di prendere il sole a piccole dosi, abituando gradualmente la pelle all'esposizione solare. Particolarmente pericolose possono risultare i bagni di sole intensi e saltuari, soprattutto in soggetti con pelle chiara (fototipo I e II), con molti nei e predisposti a sviluppare ustioni solari. Consentire alla pelle di recuperare. Se, nonostante queste precauzioni, la pelle alla sera si presenta accaldata ed arrossata, si può ricorrere ad una crema ad azione lenitiva e riparatrice o ad un latte doposole nutritivo e rinfrescante. Gli ingredienti da cercare nella formula sono estratti vegetali, come quelli di aloe, tè verde, malva e camomilla, che hanno un effetto calmante ed addolcente.

 

Consulta il Reparto Solari